Le battaglie contro lo Sblocca Italia, la privatizzazione dei beni comuni e la finanziarizzazione dei servizi

sblocca

Le privatizzazioni e la finanziarizazione dei beni comuni e dei servizi pubblici rappresentano una delle chiavi di volta per la speculazione e la creazione di profitti; questo vale in Europa (come nel resto del globo) e, in Italia, vale in modo ancor più profondo, proprio perchè in questa fase di crisi strutturale, in ossequio alle indicazioni della governance europea, un nuovo processo guidato dal Governo Renzi si sta attuando.

Un processo che vede nel combinato disposto di diversi strumenti legislativi e una notevole campagna mediatica, un attacco diretto ai quei servizi e ricchezze sociali che rappresentano la tutela di diritti fondamentali.

Non a caso, in tutta Italia, movimenti territoriali stanno animando battaglie in cui si intrecciano, a partire dalla prossimità geografica, comitati di base e associazioni, singoli cittadini e strutture organizzate, sindacati e realtà autogestite; una forza sotterranea e costante che non arretra nella pretesa di non veder sottratta la propria dignità e i propri diritti, ma anche la capacità di decidere sul proprio futuro ponendo un immediato problema di democrazia.

E quindi, da nord a sud, diverse lotte si intrecciano, dalla difesa della terra o contro le speculazioni edilizie e per il diritto all’abitare fino a quella contro le trivellazioni petrolifere, da quelle contro gli inceneritori a quelle per il diritto all’acqua, da quelle in difesa della sanità pubblica a quelle per i servizi pubblici locali e un nuovo diritto alla città.

Vogliamo provare a costruire un nuovo momento di confronto, capire come far cooperare maggiormente queste esperienze proprio nell’ottica dello sciopero sociale, costruire una nuova tappa in un processo che continua a proseguire nel tempo.

Per questo vorremo provare ad entrare in profondità sugli elementi che caratterizzano il minimo comun denominatore di queste battaglie e della loro capacità di innovazione e conflitto, soprattutto nella loro capacità di connessione. E vorremo partire proprio dal decreto Sblocca Italia che, al suo interno, contiene quell’intreccio mortifero tra grandi opere, privatizzazioni, devastazioni ambientali a cui corrisponde, per inverso, una mappa dettagliata di attivazioni territoriali, tra cui vorremo contribuire a stabilire una connessione.

Per questo immaginiamo che il workshop parta da alcuni elementi di approfondimento:

  • Sblocca Italia, come procede l’applicazione;
  • Sblocca Italia e oltre, cosa si organizza nei diversi territori;
  • quando la privatizzazione riguarda i servizi pubblici nazionali: la sanità;
  • la privatizzazione avanza, processi di fusione delle multiutility e quotazione in borsa.